Indice del forum FORUM INFERMIERISTICO IN AREA CRITICA

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Burnout dello studente?

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> STUDENTI E TUTORAGGIO
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Nurse80
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 02/01/16 18:32
Messaggi: 5

MessaggioInviato: Sab Gen 02, 2016 7:55 pm    Oggetto: Burnout dello studente? Rispondi citando

Manco il tempo di iscrivermi ed inizio con un thread che poi tanto allegro non è. Vorrei parlare di un argomento che al momento mi sta abbastanza tartassando e vorrei capire se non sono l'unico pazzo che prova determinate cose.

Vi spiego un po' la mia situazione, ho iniziato a studiare infermieristica lo scorso anno, l'ho scelta, in quel momento, perché mi attirava parecchio, anche se prima dei test il mio principale interesse era psicologia, cosa che poi ho un po "perso di vista". Avendo un padre e un fratello infermiere ho sempre avuto come "modello" la figura dell'infermiere che era un po' un tuttofare..anche se a dirvi la verità prima di iscrivermi non sapevo manco dove si fermassero i compiti dell'infermiere e iniziassero quelli del medico.
Comunque sia sono sempre stato felice della mia scelta, i primi mesi ero molto attratto dalle materie che studiavo, poi finalmente a febbraio arrivò la prima esperienza di tirocinio. Fu un'esperienza incredibilmente bella di cui conservo tantissimi ricordi, ed ero molto appassionato al mio lavoro.. vi dico che mi sentivo felice persino di fare gli igieni (non che sia una cosa che schifo, ma neanche ti "esalta" dopo un po') tanto ero preso dall'idea di aiutare i pazienti. Tra l'altro cosa non indifferente, in quel tirocinio, notai che il lavoro dei medici non mi piaceva molto..avevano infinite conoscenze ma stavano troppo in disparte ed erano troppo poco sensibili nei confronti di determinate situazioni. E poi non ero proprio attratto dalle loro dinamiche di lavoro, vedere il paziente solo nel momento di visita oltrettutto in un reparto non chirurgico (medicina interna) mi attirava poco. Diciamo che nel reparto i veri protagonisti erano gli infermieri, ma proprio in tutti i sensi, i medici intervenivano solo in momenti di emergenze o prescrizioni. Insomma ero felice di fare quello che facevo

Poi arrivò il secondo tirocinio e lì ebbi un po' una delusione, l'ambiente di lavoro era molto ma molto più stressato, gli infermieri godevano di "onori" molto minori, nonostante possedessero capacità tecniche notevoli (negli EGA soprattutto, una cosa spaventosa), il reparto però era molto più interessante (centro ictus) e imparai tantissimo per quanto riguarda l'aspetto "tecnico". Nello stesso periodo però cominciarono molti miei colleghi a prepararsi per i test di medicina, perché molti di loro erano insoddisfatti del lavoro di infermiere e soprattutto,come è ormai solito nell'ambiente della sanità, il medico viene sempre visto come il gradino più alto (a modo mio "erroneamente"). Nonostante io fossi il primo a cercare di far capire a molti di loro quanto stessero andando incontro ad un'idea sbagliata (perché fidatevi che molti di loro non vogliono fare i medici per ambizione) cominciai anch'io ad avere dei dubbi su me stesso.
Diciamo che la cosa fu causata da due fattori, il primo fu il mio continuo interesse verso la medicina (intesa come studio delle patologie e relative cure, non come la facoltà di studi), il secondo fattore fu probabilmente l'ambiente di lavoro dove quasi nessun infermiere era soddisfatto del proprio lavoro. Così cominciai a farmi due domande e ricercando nei meandri del web venni a sapere della figura dell'infermiere all'estero, studiandone un po' i vari aspetti capì che era quello che cercavo, perché, per chi non lo sapesse, all'estero il nostro mestiere è molto più rispettato e soprattutto evoluto, basti pensare che con corsi di studio post laurea è possibile arrivare ad ottenere la libera autonomia riguardo la prescrizione di farmaci, e anche nell'aspetto più "pratico" è possibile persino effettuare piccole manovre chirurgiche e chirurgie dermatologiche. Insomma roba che in italia sta solo nelle mani dei medici.

Se da una parte alcuni miei dubbi si erano placati,altri erano aumentati. Ragionando a mente fredda, a me il lavoro di infermiere piace molto, ma non vi nascondo che mi piacerebbe molto anche approfondire le conoscenze in campo medico, partecipare (in un mondo ipotetico dove sia possibile senza raccomandazione) a ricerche scientifiche, quindi "crescere".

Un mio parente laureato anche lui in infermieristica, dopo aver sentito i miei dubbi mi ha consigliato di aspettare di iniziare il tirocinio del secondo anno, poichè anche lui aveva avuto gli stessi dubbi al primo anno.. ma dopo le varie esperienze in reparti chirurgici, rianimazioni, ps,psichiatria ecc.. sono totalmente spariti.

Insomma dopo avervi ucciso con questo racconto, secondo voi tutto questo è un chiaro sintomo che io voglia cambiare mestiere oppure sono semplicemente stressato?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
claudi10
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 13/01/16 19:17
Messaggi: 3
Residenza: Pescara

MessaggioInviato: Mer Gen 13, 2016 8:08 pm    Oggetto: Re: Burnout dello studente? Rispondi citando

Nurse80 ha scritto:
Manco il tempo di iscrivermi ed inizio con un thread che poi tanto allegro non è. Vorrei parlare di un argomento che al momento mi sta abbastanza tartassando e vorrei capire se non sono l'unico pazzo che prova determinate cose.

Vi spiego un po' la mia situazione, ho iniziato a studiare infermieristica lo scorso anno, l'ho scelta, in quel momento, perché mi attirava parecchio, anche se prima dei test il mio principale interesse era psicologia, cosa che poi ho un po "perso di vista". Avendo un padre e un fratello infermiere ho sempre avuto come "modello" la figura dell'infermiere che era un po' un tuttofare..anche se a dirvi la verità prima di iscrivermi non sapevo manco dove si fermassero i compiti dell'infermiere e iniziassero quelli del medico.
Comunque sia sono sempre stato felice della mia scelta, i primi mesi ero molto attratto dalle materie che studiavo, poi finalmente a febbraio arrivò la prima esperienza di tirocinio. Fu un'esperienza incredibilmente bella di cui conservo tantissimi ricordi, ed ero molto appassionato al mio lavoro.. vi dico che mi sentivo felice persino di fare gli igieni (non che sia una cosa che schifo, ma neanche ti "esalta" dopo un po') tanto ero preso dall'idea di aiutare i pazienti. Tra l'altro cosa non indifferente, in quel tirocinio, notai che il lavoro dei medici non mi piaceva molto..avevano infinite conoscenze ma stavano troppo in disparte ed erano troppo poco sensibili nei confronti di determinate situazioni. E poi non ero proprio attratto dalle loro dinamiche di lavoro, vedere il paziente solo nel momento di visita oltrettutto in un reparto non chirurgico (medicina interna) mi attirava poco. Diciamo che nel reparto i veri protagonisti erano gli infermieri, ma proprio in tutti i sensi, i medici intervenivano solo in momenti di emergenze o prescrizioni. Insomma ero felice di fare quello che facevo

Poi arrivò il secondo tirocinio e lì ebbi un po' una delusione, l'ambiente di lavoro era molto ma molto più stressato, gli infermieri godevano di "onori" molto minori, nonostante possedessero capacità tecniche notevoli (negli EGA soprattutto, una cosa spaventosa), il reparto però era molto più interessante (centro ictus) e imparai tantissimo per quanto riguarda l'aspetto "tecnico". Nello stesso periodo però cominciarono molti miei colleghi a prepararsi per i test di medicina, perché molti di loro erano insoddisfatti del lavoro di infermiere e soprattutto,come è ormai solito nell'ambiente della sanità, il medico viene sempre visto come il gradino più alto (a modo mio "erroneamente"). Nonostante io fossi il primo a cercare di far capire a molti di loro quanto stessero andando incontro ad un'idea sbagliata (perché fidatevi che molti di loro non vogliono fare i medici per ambizione) cominciai anch'io ad avere dei dubbi su me stesso.
Diciamo che la cosa fu causata da due fattori, il primo fu il mio continuo interesse verso la medicina (intesa come studio delle patologie e relative cure, non come la facoltà di studi), il secondo fattore fu probabilmente l'ambiente di lavoro dove quasi nessun infermiere era soddisfatto del proprio lavoro. Così cominciai a farmi due domande e ricercando nei meandri del web venni a sapere della figura dell'infermiere all'estero, studiandone un po' i vari aspetti capì che era quello che cercavo, perché, per chi non lo sapesse, all'estero il nostro mestiere è molto più rispettato e soprattutto evoluto, basti pensare che con corsi di studio post laurea è possibile arrivare ad ottenere la libera autonomia riguardo la prescrizione di farmaci, e anche nell'aspetto più "pratico" è possibile persino effettuare piccole manovre chirurgiche e chirurgie dermatologiche. Insomma roba che in italia sta solo nelle mani dei medici.

Se da una parte alcuni miei dubbi si erano placati,altri erano aumentati. Ragionando a mente fredda, a me il lavoro di infermiere piace molto, ma non vi nascondo che mi piacerebbe molto anche approfondire le conoscenze in campo medico, partecipare (in un mondo ipotetico dove sia possibile senza raccomandazione) a ricerche scientifiche, quindi "crescere".

Un mio parente laureato anche lui in infermieristica, dopo aver sentito i miei dubbi mi ha consigliato di aspettare di iniziare il tirocinio del secondo anno, poichè anche lui aveva avuto gli stessi dubbi al primo anno.. ma dopo le varie esperienze in reparti chirurgici, rianimazioni, ps,psichiatria ecc.. sono totalmente spariti.

Insomma dopo avervi ucciso con questo racconto, secondo voi tutto questo è un chiaro sintomo che io voglia cambiare mestiere oppure sono semplicemente stressato?


Io ad aprile mi laureo...posso dirti che anche io al termine del primo anno ho ritentato per la seconda volta il test per medicina. Ero stanca. Il primo anno abbiamo iniziato il tirocinio a maggio e, come puoi immaginare, è durato tutta l'estate. Ho cambiato reparto due volte: il primo è stato ortopedia Uomini (bellissima esperienza), il secondo geriatria dove sono rimasta per ben 3 mesi!
Durante tutta l'estate ho affiancato gli OSS in quanto c'erano 42 posti letto e un turno di 6 ore era a malapena sufficiente per completare il giro letti.
Mi chiedevo: ma è questo quello che fa l'infermiere? ma davvero devo prendere una laurea per essere trattata male, sottopagata e sfruttata fino all'osso?
Non avendo superato il test per medicina ho proseguito con il mio percorso di studi, per fortuna direi, perchè ho avuto modo di lavorare in reparti davvero ben organizzati, con personale preparato, gentile e disposto ad insegnare.
Ho capito che non volevo cambiare lavoro, che il mio posto era quello. Probabilmente arriviamo a porci queste domande perchè purtroppo, quando siamo ancora dietro ai banchi di scuola, ci fanno vedere un mondo che non esiste. Equipe multidisciplinare? Diagnosi infermieristiche? Piano assistenziale? mai visti sul campo...probabilmente soprattutto all'inizio ci sentiamo un po traditi, abbiamo delle aspettative che non si concretizzando.
Ti posso solo consigliare di andare avanti, vedrai che già al secondo anno ti appassionerai di più e comincerai a capire quale ambito di questa stupenda professione ti interessa maggiormente.
Tranquillo non sei in burnout risata
Top
Profilo Invia messaggio privato
MuKk0tT4
VICE DIRETTORE GENERALE
VICE DIRETTORE GENERALE


Registrato: 05/05/08 11:09
Messaggi: 3750
Residenza: Pescara....in Abruzzo per chi non lo sa ;)

MessaggioInviato: Ven Feb 26, 2016 1:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

posso ride?
burnout? dello studente??? oh mamma!!

_________________
Carolina
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2016 12:24 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao! Dissociate assolutamente quello che vi insegnano dalla realtà.
Personalmente gli unici reparti dove l'infermiere si può portare a casa soddisfazioni e non nervoso sono veramente pochi:

- Rianimazione (generale o specialistica)
- UTIC
- Emodinamica
- Sala operatoria

Gli ultimi due non hanno molto a che fare con la nostra figura ma meglio che lavorare nelle medicine e chirurgie generali...dove un tempo la soddisfazione era molta, adesso invece è un [CENSORED] inverosimile hate-bravo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
*RaNsIe*
INFERMIERE MAGISTRALE
INFERMIERE MAGISTRALE


Registrato: 12/07/08 21:23
Messaggi: 537
Residenza: torino prov.

MessaggioInviato: Mer Mar 23, 2016 8:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

a beh io lavoro da 5 anni e sono già esaurita e stanca.
ci si riempie sempre di belle parole sull'infermiere...
peccato che poi nella praticità della cosa sia tutt'altro.

sono partita con le migliori intenzioni, e mi ritrovo stufa, scazzata, esausta, esaurita ed immensamente delusa.
Chiedono 1000 e danno 10.
E parlo dal punto di vista economico e riconoscitivo.

in ogni caso, valuta tu andando avanti con i tirocini, perchè alla fine quelle saranno le realtà in cui dovrai lavorare.

good luck Ok

_________________
★ ωιтн αℓℓ тнєιя ωι¢кє∂ ωσя∂ѕ тнєу’ℓℓ иєνєя нσℓ∂ уσυ ∂σωи ★
Top
Profilo Invia messaggio privato
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Mar Mar 29, 2016 8:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sono d'accordo (purtroppo) Tristezza
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> STUDENTI E TUTORAGGIO
Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001 - 2005 phpBB Group
Theme ACID v1.5 par HEDONISM
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 3.044