Indice del forum FORUM INFERMIERISTICO IN AREA CRITICA

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

ORDINE DI SERVIZIO
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> LEGISLAZIONE
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
HAND
AMMINISTRATRICE


Registrato: 14/04/08 20:30
Messaggi: 334
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Lun Mag 12, 2008 11:32 pm    Oggetto: ORDINE DI SERVIZIO Rispondi citando

COBAS SANITA' S.ORSOLA MALPIGHI



STRUMENTI DI LOTTA



ORDINE DI SERVIZIO:

ISTRUZIONI PER L'USO





Ecco a voi STRUMENTI DI LOTTA. Uno degli obiettivi della nostra azienda è lo sfruttamento delle "risorse umane", in particolare del comparto, che viene perseguito attraverso la non osservanza della normativa in vigore grazie anche alla complicità dei sindacati confederali che contribuiscono ad alimentare confusione e rassegnazione fra noi lavoratori. Con questo primo numero, il COBAS SANITA' S. ORSOLA MALPIGHI intende avviare la diffusione di informazioni utili per cominciare a fare chiarezza su quali sono i nostri diritti e come farli rispettare. Fatene buon uso!



COME FUNZIONA L'ORDINE DI SERVIZIO



1-Deve essere scritto (CCNL 01.09.95 Art.28): in giurisprudenza le comunicazioni che possiedono valore sono scritte. L'ordine di servizio, che è un'ingiunzione al dipendente di violare le norme contrattuali, deve essere scritto anche per tutela sia del dipendente stesso che dell'azienda. Tale tutela non è presente se viene emesso verbalmente.

2-Deve pervenire per tempo: e quindi in anticipo al lavoratore presso la sede lavorativa. Il lavoratore non è tenuto a farsi reperire al proprio domicilio, né telefonicamente né con altri sistemi, tranne nel caso della pronta disponibilità (Art. 7 CCNLI 20.09.01).

3-Deve essere motivato: nell'ordine di servizio deve apparire la motivazione per la quale è stato emesso, a garanzia della liceità dello stesso.

4-Deve essere uno strumento eccezionale: altrimenti diverrebbe straordinario programmato, espressamente vietato dalla normativa in vigore (CCNL 07.04.99 Art.34 comma 1). La copertura dei turni deve essere garantita sulla base dei criteri organizzativi certi e con personale sufficiente per evitare disservizi dovuti ad imprevisti. Se vi è carenza d'organico dovuta a motivi contingenti, la Direzione può organizzare i turni utilizzando l'istituto contrattuale della pronta disponibilità.

5-Non deve sovrapporsi ad altri istituti contrattuali già previsti: non può essere utilizzato per il richiamo in servizio "oggi per oggi", in quanto si cade nell'istituto della pronta disponibilità. In questo caso, se il dipendente si rifiuta di adempiere l’ordine di servizio, non possono essere prese sanzioni disciplinari nei suoi confronti. Inoltre il codice deontologico prevede per il personale infermieristico l'obbligo di presentarsi in servizio solo in caso di calamità pubblica. In caso di richiamo in servizio "oggi per domani", il ricorso all'ordine di servizio può essere legittimo, a patto che si rispettino una serie di vincoli. Infine esiste anche una sentenza della Corte Costituzionale che sancisce il diritto del dipendente a potersi organizzare e programmare la propria vita privata.

In caso di prolungamento dell'orario di servizio il dipendente è costretto a rimanervici fino all'arrivo della sostituzione (art.10 codice deontologico dell'infermiere e art.593 del C.P.); ma spetta al dirigente autorizzarlo (CCNL07.04.99 Art.34 comma 2) e, quindi, nel caso di più infermieri presenti, decidere e segnalare chi dovrà fermarsi in servizio.

In caso di sospensione o interruzione delle ferie (art.19 CCNL), è necessario l'ordine di servizio, ma il datore di lavoro ha l'obbligo di garantire almeno 15 giorni di congedo nel periodo estivo ai dipendenti che ne facciano richiesta e la fruizione del congedo ordinario (ferie) entro l'anno solare, al massimo, in caso di comprovata necessità di servizio entro i sei mesi successivi (!!!).

6-Deve essere firmato dal dirigente responsabile in modo che si assuma la responsabilità dell'atto amministrativo.

7-Non esiste un limite numerico di ordini di servizio effettuabili.

8-Deve recare la data di emissione.

9-Deve contenere le azioni che si ordinano di eseguire al dipendente.

Alla luce della normativa vigente, la maggior parte degli ordini di servizio emessi dall'amministrazione di quest’azienda non sono conformi alla legge, quindi sono da considerarsi nulli. I dipendenti che non ottemperino agli ordini di servizio che non presentano le caratteristiche sopra citate non possono incorrere in alcuna sanzione né disciplinare né penale, anzi, parrebbero esserci gli estremi per una denuncia per illecito amministrativo e abuso di potere.

Si ribadisce, inoltre, che l'ordine di servizio non implica alcuna conseguenza negativa sul curriculum professionale, né alcuna penalizzazione nelle valutazioni di merito per i lavoratori che vi ottemperino correttamente. L'ordine di servizio, pertanto, può essere richiesto dal dipendente ogni qualvolta ritenuto necessario a garanzia e salvaguardia dei propri diritti.



NORMATIVA INERENTE ALL'ORDINE DI SERVIZIO

CCNL 01.09.95
Art.28
3. In tale specifico contesto, tenuto conto dell'esigenza di garantire la migliore qualità del servizio, il dipendente deve in particolare:

h. eseguire le disposizioni inerenti all’espletamento delle proprie funzioni o mansioni che gli siano impartite dai superiori. Se ritiene che la disposizione sia palesemente illegittima, il dipendente è tenuto a farne immediata e motivata contestazione a chi l'ha impartita, dichiarandone le ragioni; se la disposizione è rinnovata, per iscritto ha il dovere di darvi esecuzione; salvo che la disposizione stessa sia vietata dalla legge penale o costituisca illecito amministrativo.

Art.18

1. L'orario di lavoro è di 36 ore settimanali ed è funzionale all'orario di servizio e di apertura al pubblico...

2. La distribuzione dell'orario di lavoro è improntata ai seguenti criteri di flessibilità, tenuto conto che diversi sistemi di articolazione dell'orario di lavoro possono anche coesistere:

a) utilizzazione in maniera programmata di tutti gli istituti che rendano concreta una gestione flessibile dell'organizzazione del lavoro e dei servizi, in funzione di un'organica distribuzione dei carichi di lavoro;

c) orario di lavoro articolato (...) con il ricorso alla programmazione di calendari di lavoro plurisettimanali ed annuali con orari superiori o inferiori alle 36 ore settimanali, nel rispetto del monte ore;

e) priorità nell'impiego flessibile, purché compatibile con l'organizzazione del lavoro delle strutture, per i dipendenti in situazione di svantaggio personale, sociale e familiare e dei dipendenti impegnati in attività di volontariato ai sensi della legge 11.08.91 N.266.

Art.19

8. Le ferie sono un diritto irrinunciabile e non sono monetizzabili. Esse sono fruite nel corso di ciascun anno solare, in periodi compatibili con le esigenze di servizio, tenuto conto delle esigenze del dipendente.

9. (...) la fruizione delle ferie dovrà avvenire (...) assicurando comunque al dipendente che ne abbia fatto richiesta il godimento di almeno 15 giorni continuativi di ferie nel periodo 1 giugno - 30 settembre.



10. Qualora le ferie già in godimento siano interrotte o sospese per motivi di servizio, il dipendente ha diritto al rimborso delle spese documentate per il viaggio di rientro in sede e per quello di eventuale ritorno al luogo di svolgimento delle ferie, nonché dell'indennità di missione per la durata dei medesimi viaggi. Il dipendente ha inoltre il diritto al rimborso delle spese anticipate e documentate per il periodo di ferie non goduto.

11. In caso di indifferibili esigenze di servizio che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dell'anno, le ferie dovranno essere fruite entro il primo semestre dell'anno successivo.

Art.20
2. Ove non possa essere fruito nella giornata domenicale, il riposo settimanale deve essere fruito di norma entro la settimana successiva, in giorno concordato fra il dipendente ed il dirigente responsabile della struttura, avuto riguardo delle esigenze di servizio.

3. Il riposo settimanale non è rinunciabile e non può essere monetizzato.

ART. 7 CCNLI 20.09.01

1. Il servizio di pronta disponibilità è caratterizzato dalla immediata reperibilità del dipendente e dall’obbligo per lo stesso di raggiungere la struttura nel

tempo previsto con modalità stabilite ai sensi del comma 3.

2. All’inizio di ogni anno le aziende predispongono un piano annuale per affrontare le situazioni di emergenza in relazione alla dotazione organica, ai profili professionali necessari per l’erogazione delle prestazioni nei servizi e presidi individuati dal piano stesso ed agli aspetti organizzativi delle strutture.

6. Il servizio di p.d. va limitato ai turni notturni ed ai giorni festivi. Nel caso in cui esso cada in giorno festivo spetta un riposo compensativo senza riduzione del debito orario settimanale. La p.d. ha durata di 12 ore e dà diritto ad una indennità di L.40.000 per ogni 12 ore.

7. Due turni di p.d. sono prevedibili solo nei giorni festivi.

8. Qualora il turno sia articolato in orari di minore durata, i quali, comunque, non possono essere inferiori alle quattro ore, l’indennità è corrisposta proporzionalmente alla sua durata, maggiorata del 10%.

10. Di regola non potranno essere previste più di sei turni di p.d. al mese.



Codice penale

Art. 593

Abbandono di persone incapaci.



Codice deontologico dell'infermiere professionale

Art.10

L'infermiere non abbandona mai il posto di lavoro senza la certezza della sostituzione.



CCNL 07.04.99
Art.34

1. Il lavoro straordinario non può essere utilizzato come fattore ordinario di programmazione del lavoro.

2. Le prestazioni di lavoro straordinario hanno carattere eccezionale, devono rispondere ad effettive esigenze di servizio e devono essere preventivamente autorizzate dal dirigente responsabile. (...)

6. Le prestazioni di lavoro straordinario possono essere compensate a domanda del dipendente con riposi sostitutivi da fruire, compatibilmente con le esigenze di servizio, nel mese successivo.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Mar Mag 13, 2008 12:18 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie!


FORUM INFERMIERISTICO=UNIONE!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
susy
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 14/05/08 10:19
Messaggi: 750
Residenza: pavia

MessaggioInviato: Gio Mag 15, 2008 3:02 am    Oggetto: ordine di servizio Rispondi citando

Ok che l'infermiere non lascia il servizio senza che sia arrivato il cambio, ma questo significa che in reparto oltra lui non ci sono altri infermieri giusto?
E se c'è ne sono altri presenti cosa succede?
Ti chiedo questo perchè nella mia azienda due settimane fa anno obbligato una collega ,con un ordine di servizio, a fare la notte consecutivamente al pomeriggio nonostante ci fossero in servizio per la notte altri 3 IP, quindi la poveretta si è ciucciata ben 18 ore di servizio consecutivo!!!!! stupito
Io questo non lo trovo molto legale soprattutto perchè la legge prevede anche che non si possano lavorare più di 12 ore consecutive, tu che ne pensi?
Ciao e grazie
Top
Profilo Invia messaggio privato
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Gio Mag 15, 2008 9:11 am    Oggetto: Re: ordine di servizio Rispondi citando

susy ha scritto:
Ok che l'infermiere non lascia il servizio senza che sia arrivato il cambio, ma questo significa che in reparto oltra lui non ci sono altri infermieri giusto?
E se c'è ne sono altri presenti cosa succede?
Ti chiedo questo perchè nella mia azienda due settimane fa anno obbligato una collega ,con un ordine di servizio, a fare la notte consecutivamente al pomeriggio nonostante ci fossero in servizio per la notte altri 3 IP, quindi la poveretta si è ciucciata ben 18 ore di servizio consecutivo!!!!! stupito
Io questo non lo trovo molto legale soprattutto perchè la legge prevede anche che non si possano lavorare più di 12 ore consecutive, tu che ne pensi?
Ciao e grazie

Ha denunciato il fatto? spero di sì...basta una cavolata e tutte quelle ore sono tante...e in quel posto ce l'hai tu...occhio quindi...gli ordini di servizio te li possono anche fare ma tu puoi segnalarli e alla terza volta non te ne mandano più...senno và nei nei guai l'azienda...almeno qualche anno fà era così...ora non sò...magari qualche collega potrà delucidare.


FORUM INFERMIERISTICO=UNIONE!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
HAND
AMMINISTRATRICE


Registrato: 14/04/08 20:30
Messaggi: 334
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Ven Mag 16, 2008 11:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

7-Non esiste un limite numerico di ordini di servizio effettuabili.
forse le hanno fatto l'ordine perchè il turno prevedeva un organico di 4 infermieri e non di tre.
sulla legalità non lo so ma la normativa dice che non può essere effettuato "oggi per oggi" altrimenti si cade nella pronta disponibilità....
Molti degli ordini di servizio sono illegali...chi rifiuta un ordine di servizio illegale non può essere punito per legge anzi, si può rivalere sull'azienda...
non è semplice stabilire ciò che è legale e ciò che è sopra le righe ma loro sono un'azienda e noi soli...non facciamo colpi di testa perchè qui si rischia il posto di lavoro.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
susy
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 14/05/08 10:19
Messaggi: 750
Residenza: pavia

MessaggioInviato: Dom Mag 18, 2008 3:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

-"Non esiste un limite numerico di ordini di servizio effettuabili.
forse le hanno fatto l'ordine perchè il turno prevedeva un organico di 4 infermieri e non di tre. " (scusa ho fatto un copia incolla della tua risposta perchè non sò come si riporta il trafiletto di un altro!!!! pianto )

Allora l'organico era giusto di tre anche perchè i posti letto occupati erano 9 come è di solito, potevo capire se fossero stati 10 allora si che ne serviva un altro di infermiere ma così...
Purtroppo... Purtroppo... La mia domanda è: ma dove possiamo rivolgerci per avere notizie legali giuste?Così la prossima volta che accade sappiamo come muoverci!
Ciao e grazie per l'aiuto Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
ghigo
RICERCATORE INFERMIERISTICO
RICERCATORE INFERMIERISTICO


Registrato: 31/05/08 22:29
Messaggi: 1421
Residenza: La Spezia

MessaggioInviato: Dom Giu 01, 2008 11:09 am    Oggetto: Rispondi citando

L'ordine di servizio è una precisa disposizione aziendale e come tale implica la remunerazione come lavoro straordinario.
Orbene ,poichè il monte ore dello straordinario viene ipotizzato dall'azienda all'inizio di ogni anno , molto spesso lo stesso deve essere contingentato pro capite.
In questi casi si può quindi desumere che il numero degli ordini di servizio ,anche se ripetuti , non possono comunque superare la soglia dello straordinario contingentato pro-capite.
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
ghigo
RICERCATORE INFERMIERISTICO
RICERCATORE INFERMIERISTICO


Registrato: 31/05/08 22:29
Messaggi: 1421
Residenza: La Spezia

MessaggioInviato: Lun Giu 02, 2008 9:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

susy ha scritto:
-"Non esiste un limite numerico di ordini di servizio effettuabili.
forse le hanno fatto l'ordine perchè il turno prevedeva un organico di 4 infermieri e non di tre. " (scusa ho fatto un copia incolla della tua risposta perchè non sò come si riporta il trafiletto di un altro!!!! pianto )

Allora l'organico era giusto di tre anche perchè i posti letto occupati erano 9 come è di solito, potevo capire se fossero stati 10 allora si che ne serviva un altro di infermiere ma così...
Purtroppo... Purtroppo... La mia domanda è: ma dove possiamo rivolgerci per avere notizie legali giuste?Così la prossima volta che accade sappiamo come muoverci!Ciao e grazie per l'aiuto Wink


All'ispettorato provinciale del lavoro.
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
miki
STUDENTE I ANNO
STUDENTE I ANNO


Registrato: 21/06/08 01:03
Messaggi: 37
Residenza: campania

MessaggioInviato: Lun Giu 23, 2008 7:58 am    Oggetto: Rispondi citando

noi come possiamo fare per sapere il monta ore di straordinario assegnato all'spdc e procapite? :) :) :) :) :) :)
Top
Profilo Invia messaggio privato
LORELEI
Ospite





MessaggioInviato: Lun Giu 23, 2008 9:26 am    Oggetto: Rispondi citando

miki ha scritto:
noi come possiamo fare per sapere il monta ore di straordinario assegnato all'spdc e procapite? :) :) :) :) :) :)


Sindacati e ufficio gestione risorse.
Top
miki
STUDENTE I ANNO
STUDENTE I ANNO


Registrato: 21/06/08 01:03
Messaggi: 37
Residenza: campania

MessaggioInviato: Lun Giu 23, 2008 10:27 am    Oggetto: Rispondi citando

da noi è come un altro mondo comunque io adesso gli faccio l'ennesima richiesta
Top
Profilo Invia messaggio privato
ghigo
RICERCATORE INFERMIERISTICO
RICERCATORE INFERMIERISTICO


Registrato: 31/05/08 22:29
Messaggi: 1421
Residenza: La Spezia

MessaggioInviato: Lun Giu 23, 2008 11:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

miki ha scritto:
da noi è come un altro mondo comunque io adesso gli faccio l'ennesima richiesta


Fai pure ,ma in caso di buco nell'acqua ,per quanto attiene gli ordini di servizio ,puoi sempre rivolgerti all'Ispettorato del lavoro segnalando eventuali abusi nell'utilizzo di tale istituto.
Ti consiglio di fare sempre richieste protocollate in modo che in caso di "non risposta" tu possa sempre esibire agli uffici competenti del lavoro le istanze fatte senza avere ricevuto informazioni e risposte in merito. Ok Ok Ok
Se non sono collusi anche loro vedrai che qualcuno riceverà una bella strigliata. Protesta Protesta Protesta
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
miki
STUDENTE I ANNO
STUDENTE I ANNO


Registrato: 21/06/08 01:03
Messaggi: 37
Residenza: campania

MessaggioInviato: Lun Giu 23, 2008 11:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

ok ghigo nelle mie richiesti io metto sempre ai sensi e per gli effetti della legge 241/90 e dopo 30 giorni faccio una difffa sempre per iscritto poi daro tut Testata Testata Testata Testata Testata Testata to all' avvocato del nursingup
Top
Profilo Invia messaggio privato
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Ven Ago 01, 2014 11:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

E' cambiato qualcosa riguardo i dettagli degli ordini di servizio?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Mar Ago 05, 2014 4:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho letto che in caso di urgenza/emergenza possono fartelo anche telefonicamente o in altro modo, però poi tu puoi pretendere di avere ordine originale.

Quanto vale una mail con su scritto che devi venire senza firme (solo informatizzate)???
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Yuri
COORDINATORE MODERATORI
COORDINATORE MODERATORI


Registrato: 04/01/10 23:45
Messaggi: 1260
Residenza: Fiesole (FI)

MessaggioInviato: Mar Ago 05, 2014 8:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mail: valore ZERO, visto che tu non hai l'obbligo di controllarla di continuo, nè loro possono dimostrare che tu l'abbia ricevuta, men che meno che tu l'ìabbia letta (in certi casi è perfino possibile falsificarne l'invio). Diverso è se la mail è inviata con PEC. In tal caso, se la leggi, resta traccia di ora e data di apertura della mail e, pertanto, non puoi dire di non averla letta.


Per quanto mi risulta, l'ordine di servizio può essere emesso anche telefonicamente, qualora il destinatario si faccia trovare. Il suddetto può chiedere di non eseguirlo, ma se l'ordine permane, vi è obbligo di andare al lavoro nell'orario indicato. E' prerogativa del destinatario chiedere che questi venga redatto in forma cartacea a posteriori ed è obbligo dell'azienda fornirlo.

C'è una postilla. Se il destinatario dell'ordine di servizio si trova in ferie e fuori sede, ha diritto al risarcimento del danno (spese di viaggio, spese di pernottamento) e deve ricevere anche il corrispettivo per ritornare al luogo di vacanza dopo aver eseguito l'ordine stesso. Quest'ordine di servizio, peraltro, può essere disposto solo da chi detenga un "potere economico" in seno all'azienda, ovverosia qualcuno che sia in grado di erogare somme in nome e per conto dell'Azienda stessa. Evenienza molto rara, in verità.

Inoltre l'ordine di servizio dev'essere emesso per cause ragionevoli, non certo per vicariare le carenze di personale non improvvise, anche se talvolta qualcuno ci prova lo stesso a farli.

_________________
Master "Anestesia e Terapia intensiva" 2004
ACLS IRC/ERC 2004
Competence in elettrostimolazione cardiaca 2006
Laurea Magistrale Sc. Inf.che 2009
Master in "Nursing degli accessi venosi centrali" 2011
Master in "Infermieristica Legale e Forense" 2014
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
susy
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 14/05/08 10:19
Messaggi: 750
Residenza: pavia

MessaggioInviato: Dom Ago 10, 2014 8:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non mi risultano modifiche in merito all'ordine di servizio e NON mi risulta che possa essere fatto ne telefonocamente ne via pec.
L'ordine di servizio deve essere tassativamente un forma scritta e consegnato nelle mani dell'interessato che deve firmarlo per presa visione. Al domicilio è valido in recapito tramite messo e non raccomandata.
Da dove ti risulta che possa essere anche telefonico o via pec Yuri? Hai qualche riferimento normativo?

_________________
"Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla"
Martin Luther King


Susy, infermiera e altro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Yuri
COORDINATORE MODERATORI
COORDINATORE MODERATORI


Registrato: 04/01/10 23:45
Messaggi: 1260
Residenza: Fiesole (FI)

MessaggioInviato: Dom Ago 10, 2014 11:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Onestamente non ho riferimenti legislativi. Il discorso telefonico è molto discutibile, dal punto di vista giurisprudenziale in quento dev'essere dimostrabile che TIZIO ha chiamato CAIO il quale ha risposto ed ha ricevuto l'ordine di servizio (ma al giorno d'oggi spesso le telefonate vengono registrate proprio per questi motivi).
Dal punto di vista giuridico, la PEC ha il medesimo valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno per cui sebbene la normativa non la identifichi specificatamente come modalità per la comunicazione di un ordine di servizio, il solo fatto che l'azienda possa dimostrare di averti comunicato tale ordine ed il fatto che tu l'abbia ricevuto, è, a mio personale avviso, motivo per giustificare una tua inadempienza in caso di mancata presentazione.
Perchè se è vero che non c'è giurisprudenza che indichi come giuridicamente valida la comunicazione di un ordine di servizio via PEC, c'è comunque giurisprudenza che indica come legalmente valida qualsivoglia comunicazione venga inviata (qualora ricevuta e letta) per tale via.

_________________
Master "Anestesia e Terapia intensiva" 2004
ACLS IRC/ERC 2004
Competence in elettrostimolazione cardiaca 2006
Laurea Magistrale Sc. Inf.che 2009
Master in "Nursing degli accessi venosi centrali" 2011
Master in "Infermieristica Legale e Forense" 2014
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
susy
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 14/05/08 10:19
Messaggi: 750
Residenza: pavia

MessaggioInviato: Lun Ago 11, 2014 1:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Che dire, la norma come al solito è vaga e confusa, personalmente resto della mia convinzione e cioè che tale ordine deve essere scritto e controfirmato dall'interessato, anche perchè, ritornando alla pec, non esiste modo di dimostrare che chi l'abbia aperta e letta sia il diretto interessato dell'ordine di servizio e idem come sopra è difficilmente dimostrabile che chi risponde al telefono sia veramente chi dice di essere.
Sarebbe interessante fare una ricerca giurisprudenziale per vedere se ci sono delle sentenze in merito.

_________________
"Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla"
Martin Luther King


Susy, infermiera e altro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Yuri
COORDINATORE MODERATORI
COORDINATORE MODERATORI


Registrato: 04/01/10 23:45
Messaggi: 1260
Residenza: Fiesole (FI)

MessaggioInviato: Lun Ago 11, 2014 6:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

susy ha scritto:
Che dire, la norma come al solito è vaga e confusa, personalmente resto della mia convinzione e cioè che tale ordine deve essere scritto e controfirmato dall'interessato, anche perchè, ritornando alla pec, non esiste modo di dimostrare che chi l'abbia aperta e letta sia il diretto interessato dell'ordine di servizio e idem come sopra è difficilmente dimostrabile che chi risponde al telefono sia veramente chi dice di essere.
Sarebbe interessante fare una ricerca giurisprudenziale per vedere se ci sono delle sentenze in merito.

de factola pec è un documento scritto inviato da una persona (fisica o giuridica che sia) univocamente identificabile: il titolare della stessa. Alla stessa stregua il destinatario è univocamente il titolare della stessa. L'invio di una pec è considerato equiparato all'invio di una raccomandata con ar amche nel caso in cui qiesta non venga aperta dal destinatario (si pensi ad una raccomandata vonsegnata, ma non aperta dal destinatario). Cercherò appena possibile qualcosa in merito (ora sono in piscina Very Happy )

_________________
Master "Anestesia e Terapia intensiva" 2004
ACLS IRC/ERC 2004
Competence in elettrostimolazione cardiaca 2006
Laurea Magistrale Sc. Inf.che 2009
Master in "Nursing degli accessi venosi centrali" 2011
Master in "Infermieristica Legale e Forense" 2014
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
susy
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 14/05/08 10:19
Messaggi: 750
Residenza: pavia

MessaggioInviato: Mar Ago 12, 2014 4:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

Si certo ha lo stesso valore della raccomandata ar, ma non è un metodo tramite il quale si può impartire un ordine di servizio.

_________________
"Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla"
Martin Luther King


Susy, infermiera e altro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Yuri
COORDINATORE MODERATORI
COORDINATORE MODERATORI


Registrato: 04/01/10 23:45
Messaggi: 1260
Residenza: Fiesole (FI)

MessaggioInviato: Mar Ago 12, 2014 5:31 pm    Oggetto: Rispondi citando

Essendo la legge riguardante gli ods uscita prima dell'avvento della pec, nella sostanza hai ragione, ma mon metterei la mano sul fuoco se, davanti ad un giudice, questa non possa essere considerata legalmente valida...
Forse tra qualche gg sono nuovamente a cena con un amico avvocato. Se mi ricordo hlielo chiedo...

_________________
Master "Anestesia e Terapia intensiva" 2004
ACLS IRC/ERC 2004
Competence in elettrostimolazione cardiaca 2006
Laurea Magistrale Sc. Inf.che 2009
Master in "Nursing degli accessi venosi centrali" 2011
Master in "Infermieristica Legale e Forense" 2014
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
susy
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 14/05/08 10:19
Messaggi: 750
Residenza: pavia

MessaggioInviato: Gio Ago 14, 2014 5:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ok prova a chiedere così vediamo qual'e' il parere di un legale.
Detto questo, secondo me non è uno strumento utilizzabile per un ods proprio perché assimilabile ad una raccomandata e visto che la raccomandata non è uno strumento che si utilizza per impartire ods, non dovrebbe esserlo neanche la pec.
Comunque attendiamo il parere del legale Ok

_________________
"Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla"
Martin Luther King


Susy, infermiera e altro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Yuri
COORDINATORE MODERATORI
COORDINATORE MODERATORI


Registrato: 04/01/10 23:45
Messaggi: 1260
Residenza: Fiesole (FI)

MessaggioInviato: Gio Ago 14, 2014 10:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho incontrato questo mio amico avvocato e gli ho sottoposto la questione. Leggendo il testo della legge ha interpretato il tutto, riassumendo, in questo:
"Indicando come necessaria la comunicazione scritta per la validità dell'ordine di servizio, qualsiasi sistema che ottemperi a questa disposizione è da ritenersi legalmente valida. Nella fattispecie, tanto un ordine recapitato a mano, quanto una raccomandata, quanto una PEC possono dirsi sistemi validi per tale comunicazione. Essendo poi, la PEC, equiparata ad una raccomandata con ricevuta di ritorno, nel momento in cui ci sia ricevuta di lettura da parte del destinatario, la comunicazione è da ritenersi valida a tutti gli effetti legali."

_________________
Master "Anestesia e Terapia intensiva" 2004
ACLS IRC/ERC 2004
Competence in elettrostimolazione cardiaca 2006
Laurea Magistrale Sc. Inf.che 2009
Master in "Nursing degli accessi venosi centrali" 2011
Master in "Infermieristica Legale e Forense" 2014
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Ven Ago 15, 2014 10:47 am    Oggetto: Rispondi citando

Yuri ha scritto:
Inoltre l'ordine di servizio dev'essere emesso per cause ragionevoli, non certo per vicariare le carenze di personale non improvvise, anche se talvolta qualcuno ci prova lo stesso a farli.

Praticamente vengono fatti solo per quello...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> LEGISLAZIONE
Vai a 1, 2  Successivo
Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001 - 2005 phpBB Group
Theme ACID v1.5 par HEDONISM
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 1.042