Indice del forum FORUM INFERMIERISTICO IN AREA CRITICA

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

See and treat
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> PRONTO SOCCORSO
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Auron
MODERATORE JUNIOR
MODERATORE JUNIOR


Registrato: 12/12/10 02:27
Messaggi: 619
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Ven Ott 26, 2012 8:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

apocaliv ha scritto:
Rispolvero questa vecchia discussione per chiedervi...come procedere l'esperimento See and Treat? Si sta espandendo o è sempre nelle solite zone? Verrà tolto come qualsiasi cosa succede di buono in italia?


nella Regione Toscana verrà implementato a tutti i PS Toscani.
Fonte: Delibera Regione Toscana n 210 del 19-03-2012

Ti cito il passaggio che ti interessa direttamente:
Citazione:

Visto il... [omissis, l'ho omesso perchè citava leggi precedenti], la Giunta Regionale, A VOTI UNANIMI, delibera:
1. di approvare il proseguimento della sperimentazione del modello di risposta assistenziale See and Treat in Pronto Soccorso prevedendo, in un orizzonte temporale triennale, a partire dal 2012, la graduale estensione di questo modello nei Pronto Soccorso delle aziende sanitarie del territorio regionale in cui è già attivo il sistema di Triage, attraverso uno specifico processo di formazione e di certificazione delle competenze secondo le modalità già attuate nella prima fase della sperimentazione.


Se aspetterai fino al 10 Novembre ti potrò dare, tramite la mia tesi, ulteriori ragguagli e informazioni ufficiali. Ok

_________________
- Infermiere specialista in emergenza urgenza


"Non tutto quel ch'è oro brilla, né gli erranti sono perduti" (Bilbo Baggins)
Top
Profilo Invia messaggio privato
apocaliv
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 30/09/12 19:09
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Ven Ott 26, 2012 9:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ottimo, speriamo che man mano le altre regioni prendano in considerazione l'attivazione del S&T! E' una cosa a mio parere straordinaria...peccato che in Italia va sempre tutto a rilento...spesso si dice x garantire la qualità, ma in Italia per fare una cosa ci mettono 20 anni, e alla fine la fanno lo stesso male!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
baks21
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 18/12/12 00:57
Messaggi: 4
Residenza: Domodossola-Piemonte

MessaggioInviato: Mar Dic 18, 2012 1:28 am    Oggetto: Rispondi citando

anche io sono uno studente del terzo anno in infermieristica e sono molto affascinato dal see and treat, purtroppo però in piemonte dove vivo e studio ancora non è stato sperimentato ed è conosciuto veramente poco... mi piacerebbe molto svolgere una tesi su questo argomento e oltre a cercare il piu possibile su internet volevo sapere qualcosa di piu da voi se avete avuto esperienze dirette ecc o se qualcuno ha gia svolto una tesi simile
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Auron
MODERATORE JUNIOR
MODERATORE JUNIOR


Registrato: 12/12/10 02:27
Messaggi: 619
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Mar Dic 18, 2012 8:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

come da richiesta, do il link con la mia tesi, dove troverete dati, samples di cartelle cliniche, statistiche e leggi.

Per scaricare bisogna iscriversi e uppare, condividere qualche documento

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
- Infermiere specialista in emergenza urgenza


"Non tutto quel ch'è oro brilla, né gli erranti sono perduti" (Bilbo Baggins)
Top
Profilo Invia messaggio privato
baks21
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 18/12/12 00:57
Messaggi: 4
Residenza: Domodossola-Piemonte

MessaggioInviato: Mar Dic 18, 2012 9:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

...


L'ultima modifica di baks21 il Mar Dic 18, 2012 9:59 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
baks21
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 18/12/12 00:57
Messaggi: 4
Residenza: Domodossola-Piemonte

MessaggioInviato: Mar Dic 18, 2012 9:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

la trovo veramente bella... non l'ho ancora letta tutta ma promette bene =) quanto hai preso x la tesi? una domanda, da voi in toscana i codici colore del triage quali sono?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Auron
MODERATORE JUNIOR
MODERATORE JUNIOR


Registrato: 12/12/10 02:27
Messaggi: 619
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Mer Dic 19, 2012 1:30 am    Oggetto: Rispondi citando

110/110 senza lode..eh eh il See and Treat non piace a molti medici Very Happy
I codici in Toscana sono 5, in ordine crescente di gravità: BIANCO-> AZZURRO -> VERDE -> GIALLO -> ROSSO

_________________
- Infermiere specialista in emergenza urgenza


"Non tutto quel ch'è oro brilla, né gli erranti sono perduti" (Bilbo Baggins)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Auron
MODERATORE JUNIOR
MODERATORE JUNIOR


Registrato: 12/12/10 02:27
Messaggi: 619
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Mer Dic 19, 2012 2:34 am    Oggetto: Rispondi citando

Inoltre con questa tesi mi sono levato qualche sassolino dalla scarpa, si veda la sezione "esperienza personale di tirocinio al See and Treat"

E l'ho scritto su una tesi, un documento pubblico.

Alcuni pensieri li riporto per intero, ditemi se li condividete:
1) Pensieri sulla famosa dicitura "dottore":


Citazione:
Quando i pazienti sono stati “visti e trattati” vengono dimessi dall’infermiere ed è qui che ho notato una cosa strana: al momento di congedarsi, salutavano l’infermiere con un “grazie, dottore” anche se, in primis, l’infermiere si presenta con la sua qualifica, inoltre all’esterno dell’ambulatorio vi è un cartello sul quale vi è scritto, a caratteri cubitali, “In questo PS è attivo un ambulatorio per selezionati problemi clinici che possono essere trattati da un infermiere adeguatamente formato in stretta collaborazione con i medici del Pronto Soccorso”. Evidentemente i pazienti scambiano i ruoli, sia per cliché che per mancanza di informazioni. Una precisazione: il cittadino, dicendo “dottore” intende il Medico; altresì è d’uopo specificare che tecnicamente anche l’Infermiere, essendo laureato, è un “dottore in Infermieristica” , quindi è doveroso che l’infermiere spieghi che lui è dottore in qualità di laureato ma non è assolutamente Medico, facendo così importanti chiarimenti sul proprio ruolo. E’ necessario altresì utilizzare il buon senso, in ambito sanitario e non: prendendo un esempio, anche un ingegnere si può chiamare “Dottore in Ingegneria” o un avvocato “Dottore in Giurisprudenza” ma usualmente nel linguaggio comune si chiamano come Ingegnere e Avvocato, allo stesso modo un infermiere con una minima dose di buon senso non pretenderà di farsi chiamare Dottore per non creare inutili equivoci.



2) Pensieri sull'assistenza di base:

Citazione:
Sicuramente non sono stati facili i primi tempi, per questi “precursori” infermieri del See and Treat. La resistenza allo skill improvement e all’aumento delle competenze è in gran parte infermieristica, dovuta soprattutto a una delle due correnti di pensiero che si stanno sviluppando in questi ultimi anni riguardo il ruolo dell’infermiere.
Queste due correnti di pensiero nella categoria infermieristica coesistono da molti anni: la prima, legata al retaggio storico dell’infermiere, che si basa sulla concezione dell’infermiere come fautore dell’assistenza di base, responsabile dei bisogni del paziente, della sua igiene personale e del prendersene cura, con una visione romantica dell’infermiere quale “vocazione”, pronto a fare di tutto per il bene del paziente. Una corrente di pensiero influenzata da retaggi pseudo-filosofici come le Teorie del Nursing, da termini come Diagnosi Infermieristica o Empatia. Questa è la corrente di pensiero più seguita, la quale mi disgusta profondamente: sono fermamente convinto che l’infermiere debba formulare un nuovo Profilo con competenze più avanzate e slegarsi dall’assistenza di base. Il modo migliore per pulire un paziente o distribuire il vitto non dovrebbe essere competenza di un Professionista con una Laurea, purtroppo ad oggi secondo il Profilo lo è. Queste mie affermazioni possono essere considerate un’eresia da parte della maggior parte degli infermieri, sono a conoscenza di questo fatto ma la cosa non mi turba affatto, anzi mi fa riflettere. L’altra corrente, più progressista, tende all’acquisizione di maggiori competenze e conoscenze, chiedendo che all’aumentare delle competenza aumenti anche il doveroso compenso economico; questa corrente vorrebbe sganciarsi dal retaggio storico delle “infermiere” lasciando l’assistenza di base e mansioni che non hanno bisogno di un Corso di Laurea a personale meno qualificato e ausiliario. Questa corrente richiede anche l’implementazione della formazione dell’infermiere da quella attuale di 3 anni a quella di 4 anni di base; richiede l’istituzione di una laurea magistrale ad indirizzo clinico e non solo dirigenziale; richiede il Riconoscimento di Infermiere Esperto e Specialista che non sia solo sulla carta ma anche sulla moneta. Questa è la corrente alla quale sono fiero di appartenere, e che se dovessi lavorare in futuro come infermiere, cercherò di portare avanti, ad ogni costo.



3) CONCLUSIONI

Citazione:
Alla luce di quanto osservato in questa tesi, la tanto temuta “esondazione” infermieristica in campo medico si è rivelata la solita montatura mediatica, effettuata dai mass-media e da giochi di potere all’interno di alcuni Ordini di Medici, i quali hanno paventato la catastrofe della sanità italiana se, ad esempio, un tappo di cerume fosse stato rimosso dall’infermiere piuttosto che dal medico. Probabilmente questi medici sono stati troppo tempo negli uffici, dimenticando la mission del medico, diventando più politici che veri clinici. Il medico ad oggi – e questo è un giudizio mio personale – deve ricordarsi di quale importante ruolo riveste nella sanità e rivendicare il suo vero posto all’interno degli ospedali e sul territorio, quale responsabile del processo di diagnosi e cura. Deve però mettere l’animo in pace, smettendo di rimpiangere idilliaci quadretti anacronistici nei quali il medico era il padre del paziente. Deve rendersi conto che, al pari dei colleghi di tutto il mondo, la diagnosi e la prescrizione vengono condivise – a vari livelli ovviamente – da altre figure professionali, come ad esempio l’Ortottista con l’Oculista. Altresì è chiaro, – ed evidente – che un infermiere, per quanto addestrato e competente – mai e poi mai potrà diagnosticare una CALCOLOSI della COLECISTI, o prescrivere farmaci chemioterapici. Ma permettete che in un mondo dove persone comuni acquistano il NIMESULIDE al supermercato senza ricetta medica, o che effettuano quotidianamente 2,3 milioni di misurazioni al giorno della glicemia con il GLUCOMETRO, 11 milioni di italiani che utilizzano quotidianamente dispositivi medici l’infermiere non possa prescrivere e somministrare un PARACETAMOLO, in situazioni e contesti specifici che rientrino in protocolli concordati con i medici ed approvati dal responsabile medico?
Come dovremmo chiamare gli infermieri americani, canadesi e francesi di anestesia, che praticano la narcosi? “Dottorini”? Cosa dovremmo dire del Nurse Pratictioner, figura in auge in tutta Europa ad eccezione di Italia e Germania, che è un surrogato del medico di famiglia ?
Cosa dovremmo dire dei paramedici, EMT di 1°/2° livello che effettuano manovre avanzate come l’iniezione intracardiaca e intraossea (in Italia viste come tabù assoluto) con una formazione di 2, al massimo 3 anni ?
Come, in Italia siamo più furbi e nel resto del mondo sono stupidi? Importiamo cataloghi, libri, intere linee guida di AHA e ERC e poi abbiamo questa controcultura?
Come vediamo, c’è molta contraddizione in queste situazioni, e ciò merita un’attenta analisi ed un serio esame di coscienza da parte di tutte le istituzioni , sia dei medici che degli infermieri.



Poi potete dire tutto, che sono un instabile, che sono un casinista eccetera eccetera, ma per poter portare certi argomenti davanti ad una commissione di medici e infermieri ci vogliono le palle (quadrate) Very Happy

N.B.: non ho potuto riportare nelle varie citazioni le note bibliografiche, perchè quando ho citato i dati oppure ho riportato le MANSIONI del paramedico ho fatto riferimento a documenti (nell'originale della tesi vi trovate i riferimenti)

_________________
- Infermiere specialista in emergenza urgenza


"Non tutto quel ch'è oro brilla, né gli erranti sono perduti" (Bilbo Baggins)
Top
Profilo Invia messaggio privato
EAI
LAUREANDO
LAUREANDO


Registrato: 30/08/09 11:34
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Gio Dic 20, 2012 4:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

..Sempre per rimanere in tema..


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
baks21
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 18/12/12 00:57
Messaggi: 4
Residenza: Domodossola-Piemonte

MessaggioInviato: Mer Dic 26, 2012 3:26 am    Oggetto: Rispondi citando

volevo chiederti tu precisamente dove hai svolto il tirocinio al see and treat? in che localita? potresti darmi i contatti del reparto in modo da scrivergli x poter andare li e somministrare come hai fatto tu i questionari x la tesi
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Avenger
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 02/11/13 12:07
Messaggi: 17

MessaggioInviato: Lun Giu 30, 2014 11:57 am    Oggetto: Situazione nel 2014 Rispondi citando

Salve, sono un laureando.
Ho effettuato delle ricerche sul web riguardo il S&T (arrivando fino alla 5 pagina di google clap clap ) ma avrei alcuni questiti ai quali non trovo risposta:
Attualmente 06/2014 com'è la situazione? La fase di sperimentazione è finita ed ora?
Ancora è richiesta la contro firma del medico per il triage out?
S&T e fast track sono diversi ma il primo include l'altro?
A livello remunerativo cosa comporta l'essere infermiere di S&T?
E' previsto in altre regioni?
Qualcuno potrebbe illustrarmi la situazione all'estero?(purtroppo sono naufragato navigando in siti .uk)
Grazie
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Mer Lug 02, 2014 11:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per favore PRIMA presentarsi nella sezione "Nuovi utenti".
Grazie.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Avenger
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 02/11/13 12:07
Messaggi: 17

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2014 10:38 am    Oggetto: Presentazione Rispondi citando

Pensavo di averlo fatto, lo farò subito! Embarassed

Fatto!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
SWAN-GANZ
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 10/04/08 17:34
Messaggi: 47325
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Ven Lug 04, 2014 2:14 am    Oggetto: Rispondi citando

Non preoccuparti, non era una sgridata Very Happy Wink Ok
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Avenger
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 02/11/13 12:07
Messaggi: 17

MessaggioInviato: Ven Lug 04, 2014 5:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per quanto riguarda le mie domande, c'è qualcuno che potrei contattare?
So che la cosa migliore sarebbe fare tirocinio in ospedali che adottano tale procedura ma, non è possibile.
In rete, a parte i vari esposti del OMCeO e delibere iniziali, non si trova nulla;
E soprattutto non trovo lamentele, il che mi fa pensare che non si sia diffuso molto.
Vorrei descrivere la situazione attuale, non quella del 2009/11.
Scusate per l'insistenza ma ho contattato il mondo in pratica.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Auron
MODERATORE JUNIOR
MODERATORE JUNIOR


Registrato: 12/12/10 02:27
Messaggi: 619
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Lun Lug 07, 2014 1:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

contattami in MP, ti risponderò Ok

_________________
- Infermiere specialista in emergenza urgenza


"Non tutto quel ch'è oro brilla, né gli erranti sono perduti" (Bilbo Baggins)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Auron
MODERATORE JUNIOR
MODERATORE JUNIOR


Registrato: 12/12/10 02:27
Messaggi: 619
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Mar Mag 12, 2015 12:25 pm    Oggetto: Re: Tesi Rispondi citando

FedeGemi ha scritto:
Salve. Sono una studentessa di infermieristica e sto facendo una tesi sul See and treat. Avrei bisogno di trovare delle informazioni riguardo alla situazione attuale in Italia del See and treat e sulla situazione internazionale. Qualcuno può gentilmente dicrmi dove posso recuperare queste informazioni? Grazie mille!


COME DA REGOLAMENTO, E' NECESSARIO FARE UN POST DI PRESENTAZIONE DI NUOVO UTENTE MINIMO PRIMA DI POSTARE DOMANDE. RIMUOVO POST

_________________
- Infermiere specialista in emergenza urgenza


"Non tutto quel ch'è oro brilla, né gli erranti sono perduti" (Bilbo Baggins)
Top
Profilo Invia messaggio privato
FedeGemi
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 09/05/15 13:36
Messaggi: 3
Residenza: Grosseto

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 11:23 am    Oggetto: Tesi Rispondi citando

Ciao a tutti!!! sto per cominciare la mia tesi sul see and treat ma purtroppo non sto trovando materiale molto attuale e non riesco a trovare informazioni riguardo la situazione attuale in italia. Qualcuno mi sa dare qualche dritta? Grazie milleeeee Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> PRONTO SOCCORSO
Vai a Precedente  1, 2
Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001 - 2005 phpBB Group
Theme ACID v1.5 par HEDONISM
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 0.246