Indice del forum FORUM INFERMIERISTICO IN AREA CRITICA

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Tavola Spinale

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> PRONTO SOCCORSO
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Lia
Ospite





MessaggioInviato: Dom Giu 22, 2008 2:21 pm    Oggetto: Tavola Spinale Rispondi citando

quando non si usa la tavola spinale?

a lezione mi hanno detto: si usa sempre la spinale, tranne nella frattura di femore bilaterale in cui si usa la barella a cucchiaio.
in quali altri casi si usa la barella a cucchiaio invece della spinale????
Top
Guazzo
VICE DIRETTORE GENERALE
VICE DIRETTORE GENERALE


Registrato: 19/04/08 02:40
Messaggi: 3872
Residenza: Genova

MessaggioInviato: Dom Giu 22, 2008 3:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Che io sappia la barella cucchiaio viene principalmente usata per trasferire un presunto traumatizzato spinale dal terreno su una barella spinale o su un materassino a depressione, quindi per brevissimi trasferimenti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Step
VICE DIRETTORE GENERALE
VICE DIRETTORE GENERALE


Registrato: 29/04/08 19:00
Messaggi: 3045
Residenza: Robecchetto con Induno (Mi)...ma con la Brianza nel sangue...

MessaggioInviato: Dom Giu 22, 2008 5:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Guazzo ha scritto:
Che io sappia la barella cucchiaio viene principalmente usata per trasferire un presunto traumatizzato spinale dal terreno su una barella spinale o su un materassino a depressione, quindi per brevissimi trasferimenti.

...da me si mette direttamente su spinale senza usare la cucchiaio come "tramite"...ma è una questione di diversità del protocollo...ovvero, 118 che vai, protocollo che trovi...
Io in genere tendo ad usare sempre la spinale, ma capita, sopratutto su fratture di femore (non per forza bilaterali) di usare la cucchiaio perchè in tal modo posso, aprendo la cucchiaio e chiudendola sotto il pz tocco meno la zona infortunata (cosa che farei per mettere la spinale perchè il pz lo devo girare per mettere sotto la spinale)...
Step

_________________
Stefano, Unità Terapia Intensiva Coronarica - MSA

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
jeppovallelunga
MODERATORE SENIOR
MODERATORE SENIOR


Registrato: 27/05/08 01:22
Messaggi: 1406
Residenza: moneglia (ge)

MessaggioInviato: Dom Giu 22, 2008 11:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

la cucchiaio non è un presidio di immobilizzazione,ma come hanno detto prima un presidio per la mobilizzazione che deve essere rimosso al più presto.la spinale è il materassino a depressione sono abbastanza equivalenti il secondo è più indicato per i grossi traumi al bacino e agli arti inferiori

_________________
dai diamanti non nasce niente ,dal letame nascono i fiori
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
MuKk0tT4
VICE DIRETTORE GENERALE
VICE DIRETTORE GENERALE


Registrato: 05/05/08 11:09
Messaggi: 3750
Residenza: Pescara....in Abruzzo per chi non lo sa ;)

MessaggioInviato: Dom Giu 22, 2008 11:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

non è un presidio di immobilizzazione. ma c'è il modello giallo della ferno che noi utilizziamo.....è ottima funziona come una spinale.
ovviamente non la usiamo sui traumi maggiori ma soprattutto per le fratture di femore e quando non cè bisogno un'immobilizzazione del rachide ma solo della parte lesa. spalla soprattutto.

_________________
Carolina
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
sanitario
INFERMIERE MAGISTRALE
INFERMIERE MAGISTRALE


Registrato: 24/06/08 11:51
Messaggi: 524
Residenza: marta..viterbo

MessaggioInviato: Mer Giu 25, 2008 7:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ok la spinale io la uso sempre quamdo ce un trauma rottura di anca feriti con sospetta frattura sia della schiena sia degli arti in incidenti,stradali dove abbiamo paziente con sint0mo, di sospette ,fratture ,o traumi cranici,ecc Bravo Bravo Ok clap clap sanitario.

_________________
soccoritore autista misericordia marta vt operatore.dae esperto bls è blsd.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Eldest
INFERMIERE
INFERMIERE


Registrato: 02/06/08 14:15
Messaggi: 289
Residenza: Frosinone

MessaggioInviato: Lun Lug 21, 2008 3:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

MuKk0tT4 ha scritto:
non è un presidio di immobilizzazione. ma c'è il modello giallo della ferno che noi utilizziamo.....è ottima funziona come una spinale.
ovviamente non la usiamo sui traumi maggiori ma soprattutto per le fratture di femore e quando non cè bisogno un'immobilizzazione del rachide ma solo della parte lesa. spalla soprattutto.


Si chiama scoop 65 EXL ed è una "cucchiao" che può essere usata per immobilizzare (stessa funzione della spinale) se dotata del sistema ferma capo dedicato e le 4 cinte o la ragno, altrimenti serve solo per "raccogliere" e NON trasportare. Le cucchiao in metallo (magnesioalluminio) non sono idonee nemmeno per questa semplice funzione (anche se la maggior parte di noi la usa correntemente me compreso), in quanto lo spazio tra le due valve è tale, da non mantere allineata la colonna.
Top
Profilo Invia messaggio privato
albertoinf
STUDENTE II ANNO
STUDENTE II ANNO


Registrato: 22/04/08 13:38
Messaggi: 96
Residenza: Nel Vicentino...

MessaggioInviato: Lun Lug 21, 2008 4:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

ci ho fatto la tesi......e preferisco usare sempre la spinale...lasciando stare tutte le variabili "commerciali" della cucchiaio...inoltre un buon presidio per immobilizzazioni >2 ore e fratture di femore, bacino è il materasso a depressione con tutti gli svantaggi che ha (rischio di rottura,non elitrasportabile perchè rischia di sgonfiarsi ecc)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Eldest
INFERMIERE
INFERMIERE


Registrato: 02/06/08 14:15
Messaggi: 289
Residenza: Frosinone

MessaggioInviato: Mer Lug 23, 2008 2:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

albertoinf ha scritto:
ci ho fatto la tesi......e preferisco usare sempre la spinale...lasciando stare tutte le variabili "commerciali" della cucchiaio...inoltre un buon presidio per immobilizzazioni >2 ore e fratture di femore, bacino è il materasso a depressione con tutti gli svantaggi che ha (rischio di rottura,non elitrasportabile perchè rischia di sgonfiarsi ecc)


La 65 EXL non è una smplice "variabile commerciale".... è un presidio molto valido progettato e studiato per sopperire a tutte le criticità della "vecchia cucchiaio" tant'è che ci sono alcune nazioni in cui non esiste la tavola spinale.....
Per quanto rigurda il materassino a depressione, perchè non sarebbe elitrasportabile? (da come scrivisi direbbe che la tua affermazione sia in senso assoluto) per la diminuzione di pressione? basta che il pilota non faccia variazioni di quota repentine è facilmente gestibile.... a me è capitato diverse volte in elisoccorso e non ho mai avuto problemi.


L'ultima modifica di Eldest il Mer Lug 23, 2008 2:58 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
mattia
STUDENTE III ANNO
STUDENTE III ANNO


Registrato: 29/05/08 22:43
Messaggi: 102
Residenza: padova

MessaggioInviato: Mer Lug 23, 2008 2:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

la spinale è sconsigliata per le fratture di bacino perchè se il bacino è fratturato e noi lo apoggiamo sulla spinale che è una tavola dritta, il bacino si "apre" di più rischiando di ledere i grossi vasi.....invece se lo raccogliamo con la scoop (cucchiaio gialla) questa avvolge il bacino e non peggiora la lesione....a parole è difficile da spiegare ma riguardando un attimo anatomia si capisce bene risata

in definitiva per le fratture di bacino o scoop o materassino oppure si mette in spinale dopo aver stabilizzato il bacino con le apposite fasce che sono in commercio....sono tipo dei piccoli busti che avvolgono il bacino evitando che questo si apra...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
albertoinf
STUDENTE II ANNO
STUDENTE II ANNO


Registrato: 22/04/08 13:38
Messaggi: 96
Residenza: Nel Vicentino...

MessaggioInviato: Gio Lug 24, 2008 10:14 am    Oggetto: Rispondi citando

Certo io parlo a livello teorico di studi sul materasso...poi in pratica si può gestire in elicottero, ma quello che ho trovato in letteratura è che si sconsiglia, non si esclude l'uso.... Purtroppo...
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefy utic
INFERMIERE MAGISTRALE SPECIALIZZATO
INFERMIERE MAGISTRALE SPECIALIZZATO


Registrato: 02/08/08 09:20
Messaggi: 703
Residenza: Lecco

MessaggioInviato: Mar Ago 05, 2008 9:10 am    Oggetto: Rispondi citando

MuKk0tT4 ha scritto:
non è un presidio di immobilizzazione. ma c'è il modello giallo della ferno che noi utilizziamo.....è ottima funziona come una spinale.
ovviamente non la usiamo sui traumi maggiori ma soprattutto per le fratture di femore e quando non cè bisogno un'immobilizzazione del rachide ma solo della parte lesa. spalla soprattutto.


anche sull'ambulanza della mia sede c'è questa della ferno ma di gtran lunga preferisco usare la spinale o il materassino a depressione... la cucchiaio la uso solo per trasportare dal terreno al presidio di immobilizzazione...

_________________
stefy
Top
Profilo Invia messaggio privato
harley
ASPIRANTE STUDENTE
ASPIRANTE STUDENTE


Registrato: 07/12/09 16:27
Messaggi: 4

MessaggioInviato: Mer Giu 23, 2010 9:53 pm    Oggetto: Rispondo in base a ricerche e pubblicazione scientifiche Rispondi citando

Oltre essere studente infermiere da molto prima sono volontario del soccorso e mi fermo spesso a leggere discussioni riguardo i sistemi d’immobilizzazione vincolo e trasporto del paziente traumatizzato e la vostra è una delle tante. Ogni interlocutore porta sue tesi o usanze della sua zona, talvolta l’una contraddittori dell’altra. Con gli strumenti e le capacità acquisite fin ora mi sono quindi concentrato nel produrre una risposta scientifica (basata su letteratura internazionale) su questo argomento.
Si evince dalle evidenze scientifiche che il miglior metodo/presidio di immobilizzazione sia il materasso a depressione (vacuum mattress) ma spesso questo presidio rimane inutilizzato causa l’incapacità (da mancanza di formazione teorica e sul campo) da parte del personale di soccorso. Per questa ragione l’attuale gold standard nell’immobilizzazione deve ricadere sulla tavola spinale che deve essere utilizzata in concomitanza con altri presidi nella gestione dei pazienti con traumi importanti e possibili fratture del bacino e mai deve rimanere per più di 2 ore “sotto” il paziente (da letteratura internazionale, 1 ora per la legge italiana riguardo i presidi sanitari).
Presidi alternativi come la BARELLA 65 XEL prodotta dalla Ferno “non deve sostituire la tavola spinale che rimane lo strumento più rapido e semplice per un’efficace immobilizzazione primaria” (citazione diretta dal sito Ferno :
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

soprattutto in virtù della mancanza di studi tecnici sull’effettiva immobilizzazione del paziente durante il trasporto effettivo del paziente.

in caso pubblico le fonti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benjamin
SUPERMODERATORE
SUPERMODERATORE


Registrato: 04/01/09 06:34
Messaggi: 901

MessaggioInviato: Gio Ago 26, 2010 8:55 am    Oggetto: Rispondi citando

Comunque, in caso di frattura di bacino "a libro aperto", è fortemente indicato immobilizzare il bacino prima dell'immobilizzazione definitiva del paziente per il trasporto. Il vecchio metodo (per me il migliore) da molti snobbato perchè "è più faticoso e più lungo" di sollevare il paziente con la barella "cucchiaio" ed adagiarlo sull'asse spinale (dove è già stato posizionato l'immobilizzatore per il bacino, sia esso un T-Pod o una semplice traversa o lenzuolo) garantisce sia l'allineamento del rachide durante tutta la manovra, sia la giusta contenzione del bacino.
Va ricordato, inoltre, che qualsiasi immobilizzazione di pazienti sull'asse spinale deve essere eseguita (SEMPRE!) con l'ausilio di imbottiture e spessori (se non disponibili anche solo biancheria adeguatamente preformata) per evitare i fenomeni sopra descritti (disallineamenti degli arti, apertura dei bacini fratturati, ...).
Top
Profilo Invia messaggio privato
bicio31
INFERMIERE
INFERMIERE


Registrato: 28/06/09 15:55
Messaggi: 211
Residenza: Morgano (TV)

MessaggioInviato: Ven Dic 10, 2010 6:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

nella mia realtà abbiamo utilizzato un semplice modo per decidere quale presidio usare:
pz supino: cucchiaio con apposito fermacapo
pz laterale o prono: tavola spinale
grossi traumi o trasporti abbastanza lunghi: materassino a depressione.
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Benjamin
SUPERMODERATORE
SUPERMODERATORE


Registrato: 04/01/09 06:34
Messaggi: 901

MessaggioInviato: Sab Dic 11, 2010 2:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Rileggendo più attentamente questo vecchio topic, mi verrebbe da rispondere provocatoriamente: mai utilizzare la spinale.
Mi spiego meglio, il topic è stato postato nella sezione "Pronto Soccorso", non "118".
Dovendo affrontare l'argomento in sede intraospedaliera le cose cambiano, a volte anche di parecchio.
I pazienti con lesioni mieliche non vivono la loro vita in attessa di un intervento di stabilizzazione del rachide avvolti in materassini a depressione, nè tantomeno cinghiati sull'asse spinale.
Questo discorso è da sempre una "spina nel fianco" tra "noi" infermieri di PS/118 e gli "altri" infermieri di NCH, T.I. e Sala Operatoria.
Il responsabile della mobilizzazione del paziente in Sala Operatoria è l'infermiere. Idem per la T.I. o la NCH (degenza). Mi chiedo sempre come mai non siano loro ad insegnarci come mobilizzare correttamente il paziente e con quali presidi.
Loro si occupano di politraumi che vedono protarsi nel tempo la stabilizzazione del rachide perchè, giustamente, la priorità è la chirurgia toracica, addominale e NCH (propria del cranio o Maxillo facciale).
Personalmente non ho mai visto in NCH pazienti su assi spinali. Una volta posizionato un collare cervicale (che se volete è più performante in termini d'immobilizzazione rispetto al collare utilizzato nel Pre-H ed in DEA) il paziente rimane sdraiato su di un materasso, con lo schienale del letto a 15°-30° (dipende dalle patologie, immaginate un BPCO farlo attendere anche sollo un giorno in posizione supina).
La conoscenza e le competenze dell'assistenza infermieristica di questi pazienti dovrebbe essere acquisita dal personale infermieristico (personale che nasce come personale intra-ospedaliero e che poi, con scienza e coscienza, porta le sue competenze sul territorio) nelle degenze, nelle T.I. e nelle Sale Operatorie. Dovrebbero quindi essere loro a formare gli operatori del DEA riguardo "il cambio di mentalità" quando arriva un pz immobilizzato dal territorio e deve rimanere più di un paio d'ore in DEA.
E' una visione un po' contorta, ma spero di essere stato chiaro.
Attendo commenti e critiche a riguardo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
gu.imbriaco
SUPERMODERATORE
SUPERMODERATORE


Registrato: 16/09/09 01:53
Messaggi: 1572
Residenza: Bologna

MessaggioInviato: Sab Dic 11, 2010 2:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Indubbiamente nella prima fase intraospedaliera, stabilizzazione e diagnostica, la possibilità di utilizzare lo stesso presidio posizionato nell'extraospedaliero agevola il personale nella mobilizzazione letto-TAC-altro.
La sostituzione della tavola spinale può essere demandata ad altro momento; il paziente, salvo casi particolari, non decubita in un'ora.

Qualora si renda impossibile rimuovere la tavola spinale (esempio banale, trauma addominale con emoperitoneo che "vola" in sala operatoria e non completa l'iter diagnostico scheletrico) è opportuno posizionare un cuscinetto o qualcosa di simile a un materassino da palestra durante roll-over del paziente.

In USA sono commercializzate spinali con il cuscinetto incorporato...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Benjamin
SUPERMODERATORE
SUPERMODERATORE


Registrato: 04/01/09 06:34
Messaggi: 901

MessaggioInviato: Sab Dic 11, 2010 2:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Anche nel Hub Traumi della prov. di Modena (Nuovo Ospedale Sant'Agostino Estense di Baggiovara) il paziente arriva sull'asse che viene tolta entro una decina di minuti durante il log-roll per la valutazione del rachide e viene posizionato su un'asse spinale rivestita di materiale morbido (non ricordo il nome commerciale, ma, come concetto, è come se l'asse fosse contenuta in un piumone, ovviamente impermeabile, con maniglie e cinghie di fissaggio, radiotrasparente e che supporta eventuali traction splint).
I casi del paziente con ferita penetrante, emotorace massivo o emorragie massive che richiedono appunto di "volare" in sala sono, per fortuna, limitati.
Molti traumi, invece, richiedono percorsi per il quale il paziente può dover attendere più di un'ora (es.:il trasferimento verso un altro ospedale con unità spinale per competenza, attesa di posto letto, ...).
Il problema dell'attesa è sicuramente molto meno sentito nell'ospedale Hub (o Trauma Center), ma nei piccoli ospedali Spoke (dove arrivano pazienti autopresentati, sottostimati da volontari o professionisti) l'attesa è quasi sempre una costante.
Per l'anziano con scompenso cardiaco cronico o BPCO, attendere anche solo 1 ora completamente supino (come la tavola spinale) può innescare anche un'insufficienza respiratoria facilmente prevenibile con un posizionamento più adeguato.
La cultura impostaci da corsi (per lo più statunitensi) ci porta ad avere quasi la fobia del paziente con frattura vertebrale. Ricordiamo sempre che il target originario di "Ossigeno, asse e collare a tutti i traumi" è nato per personale non sanitario (i paramedici - che in ospedale non possono nemmeno fare l'equivalente degli oss - e i mezzi di base come quelli del volontariato). E' molto più sicuro per personale non sanitario questa politica di sovrastima, piuttosto che rischiare fornendo loro una formazione più specifica (es.: criteri Nexus per la rimozione del collare cervicale prima dell'eventuale esecuzione dell'RX) col rischio di sottostimare delle lesioni importanti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dep76
ANESTESISTA
ANESTESISTA


Registrato: 06/05/08 23:00
Messaggi: 522

MessaggioInviato: Dom Dic 12, 2010 1:47 am    Oggetto: Rispondi citando

Luca-Carpi ha scritto:
I pazienti con lesioni mieliche non vivono la loro vita in attessa di un intervento di stabilizzazione del rachide avvolti in materassini a depressione, nè tantomeno cinghiati sull'asse spinale.


In genere in pazienti con lesioni mieliche fanno RMN e poi vengono operati e stabilizzati il più precocemente possibile (in base alle condizioni generali del pz). Lo stesso dicasi per le lesioni amieliche ma giudicate instabili. Se l'intervento precoce non è possibile il paziente può benissimo rimanere nel letto con materasso normale senza necessita di stare sull'asse spinale. Per la mobilizzazione è però necessario utilizzare spinale e cucchiaio (per passaggio letto spinale).

Nelle lesioni stabili, definite non chirurgiche, solitamente viene prescitto un busto che il paziente deve indossare quando sarà in grado di mantere la posizone seduta.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dep76
ANESTESISTA
ANESTESISTA


Registrato: 06/05/08 23:00
Messaggi: 522

MessaggioInviato: Dom Dic 12, 2010 2:00 am    Oggetto: Rispondi citando

Luca-Carpi ha scritto:
La cultura impostaci da corsi (per lo più statunitensi) ci porta ad avere quasi la fobia del paziente con frattura vertebrale. Ricordiamo sempre che il target originario di "Ossigeno, asse e collare a tutti i traumi" è nato per personale non sanitario (i paramedici - che in ospedale non possono nemmeno fare l'equivalente degli oss - e i mezzi di base come quelli del volontariato). E' molto più sicuro per personale non sanitario questa politica di sovrastima, piuttosto che rischiare fornendo loro una formazione più specifica (es.: criteri Nexus per la rimozione del collare cervicale prima dell'eventuale esecuzione dell'RX) col rischio di sottostimare delle lesioni importanti.


I criteri NEXUS richiedono che il paziente sia cosciente e che non abbia lesioni distraenti (cosa rara nei politraumi).

Nel preospedaliero inoltre io non sottovalutarei la componente emotiva che spesso sposta l'attenzione del paziente su altre cose (es. danni a moto o macchina, persone da avvisare.... ecc) e lo distrae.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benjamin
SUPERMODERATORE
SUPERMODERATORE


Registrato: 04/01/09 06:34
Messaggi: 901

MessaggioInviato: Dom Dic 12, 2010 8:54 am    Oggetto: Rispondi citando

Dep76 ha scritto:
Luca-Carpi ha scritto:
La cultura impostaci da corsi (per lo più statunitensi) ci porta ad avere quasi la fobia del paziente con frattura vertebrale. Ricordiamo sempre che il target originario di "Ossigeno, asse e collare a tutti i traumi" è nato per personale non sanitario (i paramedici - che in ospedale non possono nemmeno fare l'equivalente degli oss - e i mezzi di base come quelli del volontariato). E' molto più sicuro per personale non sanitario questa politica di sovrastima, piuttosto che rischiare fornendo loro una formazione più specifica (es.: criteri Nexus per la rimozione del collare cervicale prima dell'eventuale esecuzione dell'RX) col rischio di sottostimare delle lesioni importanti.


I criteri NEXUS richiedono che il paziente sia cosciente e che non abbia lesioni distraenti (cosa rara nei politraumi).

Nel preospedaliero inoltre io non sottovalutarei la componente emotiva che spesso sposta l'attenzione del paziente su altre cose (es. danni a moto o macchina, persone da avvisare.... ecc) e lo distrae.


Esatto, mi ero spiegato male io. Intendevo i criteri Nexus da applicare alla traumatologia minore (es.: tutti i "traumetti" con dinamica inesistente - incidente auto-auto tra auto parcheggiata e auto parcheggiante in retromarcia) ed in tutti i casi di "assicurite acuta", patologia spesso invalidante Wink .
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> PRONTO SOCCORSO
Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001 - 2005 phpBB Group
Theme ACID v1.5 par HEDONISM
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 2.532